Come stampare le foto in 3D

Le chiamano litografie, ma sarebbe più corretto dire “plastografie”

Se hai una foto…

Se hai una foto da rendere tridimensionale, ecco come stamparla in 3D in pochi passi

Qualità

Prima di tutto, non tutte le foto sono adatte ad essere “tridimensionalizzate”. Ecco alcuni punti:

  • meglio in bianco e nero
  • contrasto netto con ridotte aree “grigie”
  • buona risoluzione

Cosa serve?

Una stampante per PLA può già andare benissimo. In effetti l’ABS è “scomodo” e francamente ha poco senso in questo caso.

Quindi stampante e PLA, niente FLX o WOODo altri simili. Al massimo per i “facoltosi” esiste l’alternativa del PETG.

Software. Cura direi. Possiamo usarne anche altri, ma Cura, in questo caso è davvero ottimo. Per scaricarlo basta andare sul sito: https://ultimaker.com/en/products/ultimaker-cura-software è richiesta la registrazione: ne vale la pena, e se possiamo ricordiamoci sempre di supportare ($) l’iniziativa.

Cura

Una volta installato Cura, bisogna configurare la stampante: dimensioni, estrusori, ecc. Tutte queste informazioni devono essere fornite dal costruttore della stampante 3D.

File e Cartelle

Sul pc creiamo una cartella segnando da qualche parte il percorso (path) della cartella stessa. Per esempio C:\stampa3d\foto è già un buon metodo. Consiglio: inserite sempre il persorso “assoluto” e cioè partendo da C:\. Chiaro? Per chi usa Linux o MacOs il percorso iniziacon “/”.

Nalle nostra cartella copiamo le foto che abbiamo deciso di elaborare:

Via con Cura!

Avviamo Cura, poi File / Apri e puntiamo alla cartella con la foto che vogliamo:

e una volta confermato con Apri (Open) avremo una finestra con i parametri di conversione:

Qui dobbiamo capire cosa significano.

Impostare i parametri

La nostra foto sarà “scolpita” nella plastica. Quindi immaginiamo un parallelepipedo dove Witdh è l’altazza della foto, Deepth la larghezza e Height lo spessore.

La select/option “Lighter is higher” significa che i colori chiari avranno meno spessore. Corrisponde ad un “negativo”. Quindi se impostiamo l’altra scelta avremo una stampa “positiva”.

Il cursore smoothing è per l’arrotondamento, ma in questo caso è meglio sia disattivato (tutto a sinistra).

Quindi confermiamo con OK e :

e una volta stampata:

mia zia, Vilma Giacometti.

Il tutto in nemmeno 2 ore, stampa inclusa!

 

 

 

Leave a Reply