Le abbiamo provate tutte! (o quasi)

Le abbiamo provate tutte le strade. Magari proprio tutte, no, ma molte sì.

SCATOLE E SCATOLONI

Diciamo che per andare “fuori dalle scatole”, stiamo facendo gli scatoloni. Eh, sì, perchè a quanto pare l’immobile ove attualmente è ospitato il Fab-Lab di Grono, dovrebbe ritornare nella piena disponibilità della proprietà (Comune).

I FANTASMI!

Io a Ca’ Rossa ho passato qualche notte, mentre stampavo a pieno ritmo i supporti di ETCH (link), e devo assicurare che anche nelle ore “più buie” il silenzio è totale. Magari qualche scricchiolio dei stanchi travi storici, ma niente tintinnare di catene e neanche il rotolar di teste. Per gli amanti dell’horror Ca’ Rossa non è un luogo adatto.

Chi meglio si adatta, invece, a questo stabile sono i “fantasmi-fiduciosi” (fiduciosi perchè si avvalgono dei fiduciari): in un recente articolo di Tio.ch, si contavano 57 aziende ivi domiciliate (link1 link2), ma narrano le cronache che il numero di questi “fantasmi” era arrivato anche ad 84! (non alla fattoriale!)

POLO TECNOLOGICO

Sì, non scherzo, doveva essere un polo tecnologico, almeno nelle prime intenzioni. Poi concretamente l’unico ufficio “techno” era il nostro Fab-Lab.

ABBIAMO TENTATO

Per il laboratorio abbiamo tentato, come dicevo, diverse strade: scuole, istituzioni, fondazioni, ecc.

Al massimo, per chi si è degnato di rispondere, abbiamo ricevuto il consiglio di cercare su portali tipo “tutti.ch” o simili. Ah ah ah! Peccato che un Fab-Lab dovrebbe essere senza fine di lucro ed aperto a tutti. É chiaro che non avendo particolari introiti non può spendere 1500 o 2000 CHF/mese.

IN ALTRI PAESI

un Fab-Lab, vero, non farlocco, viene sostenuto dalla comunità, sia essa un dipartimento universitario o altra istituzione. Uno di questi Fab-Lab, col quale collaboriamo è stato aperto a Vicenza (Veneto, IT) grazie al contributo regionale. Ma è la prassi, non l’eccezione.

CI HANNO GUARDATO

Anche se piccolo, il Fab-Lab è stato visitato da operatori provenienti da Zurigo e Basilea. La modalità di Fab-Lab 2.0 ha suscitato notevole interesse.

Ma tutto questo non basta: in un periodo in cui si parla di sharing-economy, accessibilità alle tecnologie e quanto altro, siamo alle prese con l’impossibilità di un banale laboratorio da 25-30 mq!

FUNZIONE SOCIALE

In un recente articolo scrivevo dell’importanza sociale di una struttura del genere: non solo quindi per i giovani, ma anche per i seniores. Pensavo (e penso tutt’ora) che sia una giusta visione. Eppure…

SITUAZIONE ATTUALE

Al momento le macchine verranno spostate in un deposito in attesa di una soluzione.

IL BLOG

Per il momento il blog rimane e cercherò nei limiti del possibile ad inserire articoli, ma credetemi: la fatica è notevole e a volte mi chiedo quanto ne valga la pena…

Voglio ringraziare chi, anche con un semplice commento, ha contribuito: quindi un grazie a Simona, Roxana, Alice, Roberto, Tommy88, Emanuele.

 

AD MAJORA!